Dopo gli studi di arte drammatica al Conservatorio di Bruxelles e un brevissimo debutto come attore, Salmon si orienta rapidamente verso la regia (L'oiseau bleu al Rideau di Bruxelles nel 1980) e partecipa nel 1979 alla creazione della compagnia l'Ymagier Singulier con la quale realizza Rimbaud 1871-1873, Le Moine di Lewis nel 1981 e Fastes/Foules nel 1983. È con questo spettacolo, tratto da Rougon-Macquart di Zola, che arriva per la prima volta in Italia che, da allora, diventa sua patria d'adozione.
A Pontedera realizza nel 1985 Passaggio ispirato a La diga sul Pacifico di Marguerite Duras: realizzato sul greto del fiume Era, lo spettacolo utilizzava il paesaggio naturale per ricreare l’ambiente e l’atmosfera del Sud-est asiatico. Sempre della Duras, l’anno dopo mette in scena A. da Agatha (vincitore del Premio Ubu per la miglior regia). Interpretato dalle gemelle Silvia e Luisa Pasello, A. da Agatha scardinava lo spazio tradizionale dei teatri all’italiana, ‘confinando’ lo spettatore nei palchi, e lasciando alle interpreti l’utilizzo sia del palcoscenico che della platea.



Nel luglio 1986, per il Festival di Santarcangelo concepisce e realizza Premesse alla Troiane ispirato a Cassandra di Christa Wolf. Realizzato dentro un grande anfiteatro naturale, lo spettacolo ripercorreva le vicissitudini della comunità formata dalle donne dei troiani, fuori dalle mure della città e lontane dai clamori della guerra.



Nel 1987 debutta a Modena con La signorina Else tratto dal racconto di Arthur Schnitzler. A questo monologo interiore, Salmon ha restituito una dimensione polifonica utilizzando come filtro la realizzazione immaginaria di una drammaturgia radiofonica.



Nel gennaio dell'anno successivo comincia a lavorare a Gibellina su Le Troiane di Euripide, un progetto che vede diverse tappe intermedie: la prima a Napoli con La casa di Priamo, poi a Amburgo con Der Schild Des Hektor, infine al Festival d'Avignon e a Marsiglia con Le Tombeau d'Achille. Le Troiane, nella versione definitiva, debutta a Gibellina nell'agosto '88 e vince il Premio Ubu come miglior spettacolo, miglior musica e migliore scenografia, e il Premio EVE per la regia. Al gruppo di attori che da tempo lavoravano con Salmon, si affiancano per questo progetto un gruppo di attrici siciliane, tedesche e francesi. Presentato in alcune città europee, lo spettacolo riceverà un’accoglienza entusiasta ed unanime di pubblico e di critica.



Nel 1990 Salmon mette in scena per il Zuidelijk Toneel in Olanda La passion de Gilles di Pierre Mertens.



L'anno successivo comincia a Modena il lungo lavoro su I Demoni di Fedor Dostoevskij, che si snoda attraverso differenti tappe realizzate in Italia e in Russia: Tre studi per i Demoni (presentata a Modena, Volterra, Riva del Garda) e interpretata da attori belgi, italiani e francesi; Quadriglie (Mosca, Modena) nella quale si aggiungono cinque attori di Anatolj Vassiliev che hanno incontrato e lavorato con Salmon nella prima tappa di lavoro svoltasi a Mosca. Infine Des Passions, tappa conclusiva del lavoro, che ha debuttato nel 1992 a San Pietroburgo alla quale, anche per le repliche europee, hanno partecipato due attori di Vassiliev e il quartetto d’archi Danel.



Nella primavera 1994 lavora al riallestimento di A. da Agatha che debutta a maggio al Kunsten Festival des Arts di Bruxelles.



L'anno successivo mette in scena, con attori, musicisti e cantanti lirici, Faustae Tabulae tratto dal terzo atto del Faust di Charles Gounod (libretto di Jules Barbier e Michel Carré) e a Il viaggio di Anna Blum di Paul Auster. Faustae Tabulae è andato in scena per la prima volta a Bruxelles nel maggio 1995 e successivamente a Bologna.



Nella stagione 1994-95 realizza al Théâtre le Public di Bruxelles, una nuova versione di Madame Marguerite di Atayade, interpretata da Anne Marev.



Il Progetto THEMISCYRE, tratto dalla Pentesilea di Heinrich von Kleist, ha debuttato nel 1996 a Palermo con la creazione de L'assalto al cielo. Per lo stesso progetto, l’anno successivo realizza due studi, Thémiscyre 2 - Come vittime infiorate al macello e Thémiscyre 3, il primo presentato a Bruxelles e a Pontedera, il secondo a luglio per Volterrateatro.



Nei mesi di maggio e giugno 1998 Salmon lavora con Emilia Romagna Teatro al Progetto Feuilleton, che avrebbe dovuto prendere il via a partire dal gennaio 1999. Il progetto era molto corposo, sfaccettato, e andava bene al di là di una consueta messinscena teatrale. Cercando di sintetizzare in poche righe almeno la struttura possiamo dire che l'idea di base era quella di realizzare un lavoro che si sviluppasse in sei episodi rappresentati in sei città diverse, preceduti da un "numero zero", l'avvio del progetto. La parte teatrale, la storia, sarebbe dovuta essere correlata e arricchita da altri interventi creati utilizzando media differenti (da internet ai quotidiani, dalla radio alla televisione, dai fumetti a un numero verde telefonico).



Il 23 giugno 1998 Thierry Salmon muore a Hochfelden (Francia) in un incidente stradale.




Warning: main(pages/googleAnalityc.php) [function.main]: failed to open stream: No such file or directory in /home/thierrysx/www/pages/thierry-salmon-biographie.php on line 59

Warning: main() [function.include]: Failed opening 'pages/googleAnalityc.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/lib/php') in /home/thierrysx/www/pages/thierry-salmon-biographie.php on line 59